E’ arrivata la Primavera!

Alla scoperta del senso della vista!

23 marzo 2020


Ciao bambini, ciao bambine!

Le scimmiette sono irrequiete perché desiderano che voi sappiate cosa sta succedendo. Ecco la loro storia!

 

 

Le scimmiette avevano a disposizione un grande spazio verde con grandi alberi ed erba fresca. Amavano molto giocare all’aperto, correre, saltare mentre la nonna era impegnata nelle faccende domestiche.


Un giorno la scimmia dagli occhi grandi, proprio perché ci vedeva bene, notò un animaletto che strisciava: era un bruco bellissimo!

 

Subito chiamò a gran voce le altre scimmiette: –Presto, venite! Guardate cosa cos’ho trovato!

Vi piace? – chiese la scimmietta.

Tutte fecero una grande smorfia tranne la scimmia dalle mani grandi che tentò di accarezzarlo. –Secondo me è bellissimo. Hai già pensato a dargli un nome?

In realtà no – disse la scimmia dagli occhi grandi – pensiamo insieme …

E così, dopo aver rimuginato un po’, le scimmiette ebbero un’illuminazione:

lo chiameremo Betto il bruchetto!

Alla scimmietta dagli occhi grandi venne subito una grande idea: presero un cesto grande e, all’interno, poi, misero dei rametti, qualche sasso, foglie e un po’ di erba: era proprio un giardino in miniatura!

Betto sarebbe stato a suo agio e non avrebbe di certo rimpianto lo spazio verde aperto. Ogni mattina la scimmietta dagli occhi grandi si assicurava che non gli mancasse nulla, gli dava erba fresca e lo salutava con affetto.

Anche le altre scimmiette ogni giorno controllavano e salutavano il bruchetto.

Betto esplorava il suo giardino privato, si divertiva a strisciare lungo i percorsi che i tre amici gli costruivano.

Una mattina però, la scimmia dagli occhi grandi non trovò più Betto il bruchetto. Subito iniziò a urlare e a piangere. Tutte le scimmiette si misero a cercarlo ma inutilmente. La scimmia dagli occhi grandi, dopo aver guardato dappertutto vide vicino al tronco di un albero un bozzolo bianco.

La nonna arrivò a gran velocità e disse: –Betto non è scappato, si sta preparando a diventare una farfalla bellissima!

Una farfalla!!! – gridarono insieme tutte le scimmiette!

Si, alcuni bruchi, quando crescono, sono destinati a diventare splendide farfalle colorate, e anche Betto sarà uno di queste, – spiegò la nonna, che continuò: -Ora dobbiamo solo sorvegliare il bozzolo perché nessuno lo disturbi.

Giorno dopo giorno le scimmiette guardavano incantate quella magia che stava compiendosi sotto i loro occhi fino a quando, ad un tratto, il bozzolo si schiuse ed uscì una farfalla meravigliosa.

Sbattendo le sue grandi ali volò accanto alle scimmiette e da quel momento per tutta la stagione la farfalla tornò ogni giorno in segno di grande amicizia.

(adattamento dal racconto di Amabile Amato)


Cari Bambini avete guardato il video, vi è piaciuto?

Ora giochiamo con gli indovinelli.

  1. Le scimmiette dove giocano di solito?
  2. Cosa amano fare insieme?
  3. Cosa trovano un giorno?
  4. Come lo chiamano?
  5. Con cosa gli costruiscono la tana?
  6. Cosa succede quando Betto sparisce?
  7. Dov’è finito Betto?
  8. In cosa si trasforma?

Se indovinate tutto avete otto punti a forma di cuoricino e se fate il disegno della storia ottenete 10 cuoricini!!!


 

 

Ora costruiamo Betto il bruchetto.

Procurati dei rotolini della carta igienica. Ritaglia i cilindri di cartone in parti uguali. Colorali con gli acquerelli che la Befana ti ha regalato (ti ricordi?).

Su ogni anello scrivi il numero progredendo da uno a dieci, divertiti a scombinarli e poi a rimetterli in ordine crescente.

Ritaglia le antenne il sorriso e gli occhi del bruco e incolla oppure fissa con la cucitrice.

Ora divertiti a far fare i percorsi al bruco facendolo strisciare per casa.

Inoltre se ti rimane un cilindro della carta igienica divertiti a misurare la lunghezza ad esempio del tavolo riportando il cilindro tante volte ecc.: Quanti rotolini è lungo? E così via!

Guardate le trasformazioni ()



Ora costruiamo la farfalla sempre con un cilindro di carta igienica. Ritaglia le ali anche a forma di cuore…

Ora facciamo un gioco motorio: con la filastrocca che potrai memorizzare:

Sopra un albero c’è un piccolo ovetto (raggomitolati a terra come se fossi un uovo)

l’uovo si apre ed esce un bruchetto (apriti, stenditi a terra e striscia)

il bruco striscia per giorni sul prato,

e in una crisalide si è già trasformato! (siediti e afferra le ginocchia tra le braccia)

Alla fine il bozzolo si schiude come una rosa

ed ecco uscire una farfalla meravigliosa! (sollevati in piedi e fai finta di volare muovendo le braccia)

Ed ora approfondiamo l’organo della vista con questo video ()

Ora, per potenziare la memoria e la vista costruiamo il: MEMORY DI MANI !

  1. Su piatti di carta o su cerchi di cartoncino disegna le sagome delle mani con colori diversi in modo da avere due cerchi con sagome di mani rosse, due con sagome di mani verdi ecc.
  2. Disponiamo in modo ordinato i piatti su un grande tavolo o per terra con la parte disegnata verso l’alto in modo che i bambini la possano vedere e memorizzare.

  3. Giriamo i piatti nascondendo così la parte disegnata
  4. I bambini dovranno cercare di formare le coppie: girando un piatto e (ricordando la posizione) scoprire l’altro piatto con le mani dello stesso colore.

Ora facciamo il gioco: COSA MANCA? Il nascondino degli oggetti.

  1. Disponi degli oggetti sul tavolo e osservali bene bene.
  2. Coprili con un asciugamano.
  3. Chiudi gli occhi mentre qualcuno toglie un oggetto.
  4. Riapri gli occhi e togli l’asciugamano e hai tre possibilità per indovinare quale oggetto è stato tolto.

Tutto questo per camminare insieme!

 

Comments are closed.