CENTRI ESTIVI 2020

“NICO CERCA

UN AMICO! ”

La caccia al tesoro

degli animali

(liberamente tratto da “NICO CERCA UN AMICO” di diMatthias Hoppe Jan lenica Edizioni Arka)

9 luglio 2020 QUARTA SETTIMANA

Il giovedì è una giornata speciale perché sappiamo in anticipo che ci sarà la caccia al tesoro ma oggi ci sono sorprese speciali.

Prima di tutto ecco le avventure di Nico:

Il topolino ripose allora le sue speranze negli abitanti della foresta. Per primo incontrò il Cervo, impegnato in un concerto di potenti e assordanti bramiti. “tu ed io potremmo diventare dei meravigliosi amici”, gli disse con quanta voce aveva. Il cervo per un po’ neanche l’udì, tanto forte bramiva. Quando infine si accorse di lui, lo fissò dall’alto al basso. “Sai forse dare concerti come me?”, lo apostrofò orgoglioso. “Non disturbarmi mai più con sciocche proposte!”.

Deluso dal Cervo Nico riprovò con l’Orso, appena disceso con un favo pieno di miele da un albero dove aveva razziato un alveare. “Vuoi lasciarmi godere in pace questa bontà? Io amico di un mangia formaggio? La fantasia non ti manca!”, rise l’Orso, togliendo a Nico ogni voglia di insistere. “Eppure l’Orso è un simpaticone, mi sarei trovato bene con lui”, pensò sconsolato.

Il topolino Nico è davvero sconsolato e così pensa di chiedere aiuto a noi bambini inviandoci una lettera.

“Cari bambini sono Nico! Vi chiedo un favore dovete aiutarmi a trovare un amico!

10 animaletti si sono nascosti!!

Ma solo uno di questi sarà il mio amico speciale!

Grazie del vostro aiuto con affetto NICO

 

Dopo questa lettera così commovente eccoci alla “caccia dei 10 animali”!

 

 

Li abbiamo trovati tutti EVVIVA!


Ed ora eccoci pronti a rispondere agli indovinelli!

  • Sono un insetto e ho le ali di tanti colori, volo sui fiori per succhiare il nettare, faccio rima con palla e sono una …(Farfalla)
  • Vivo nella foresta e nel circo, ho due orecchie grandi e un naso lungo, sono molto pesante e sono un………(Elefante)
  • Mi muovo quatto quatto, poi faccio un balzo di soppiatto. Io sono un ….(Gatto)
  • Indovina, indovinello, chi fa l’uovo nel cestello’ Ho un paio d’ali, ma non so volare, chissà chi sono, saprai indovinare? (Gallina)
  • Tira il vento e non si lagna, piove e non si bagna. Se incontra una rete è finita la sua quiete sono il …. (Pesce).
  • QUIZ: Quali tra questi animali non punge?
  1. Lumaca
  2. La lucertola
  3. La zanzara
  • QUIZ: Quali tra questi animali non trovi in fattoria?
  1. Il tacchino
  2. La capra
  3. Il castoro
  • Vive ai bordi dello stagno se la tocchi fa un bel salto prima a secco poi a bagno grida forte e salta in alto bocca larga, faccia strana hai capito chi è?….(La rana)
  • Pelliccia dura che salva la vita se mi accarezzi ti pungi le dita se mi minacci mi chiudo e mi arriccio non puoi sbagliarti, io sono …..(Un riccio)
  • Ritorno da te in Primavera, mi costruisco il nido con il becco;volo intorno ai campanili e alle torri, mi nutro di insetti, farfalle, mosche, mosconi, moscerini! Faccio rima con bacinella e mi chiamo …..(La rondinella)

Una volta risposto a tutti gli indovinelli ascoltiamo il gran finale della storia

Girovagando ormai sconfortato, Nico arrivò ad un circo mentre l’Elefante si esibiva nei suoi esercizi acrobatici. “Oh, lui è davvero troppo grande e diverso! Più uno è grande, grosso e importante, e meno vuole fare amicizia!”, considerò, avvicinandosi al pachiderma per osservarlo meglio.

“E’ più alto di una montagna, e chissà com’è forte… Oh, potessi giocare con un amico così!”, gli scappò con la sua vocina. L’Elefante, allora, si girò, drizzò un orecchio e allungò una zampa verso di lui. “Noi amici, hai detto?”, chiese a Nico. “Noi due giocare insieme?”.

Si…”, annuì il topolino, “ma io, per te, sono troppo piccolo, troppo diverso, e non so fare acrobazie!”. “Che tu sia piccolo non importa, e nemmeno che sia tanto diverso da me. Le acrobazie te le posso insegnare io. Sì, sarei molto, molto felice di essere tuo amico”, fece l’Elefante. Nico saltellò e squittì per la sorpresa. Nessuno al mondo era più felice di lui “Olè, salta su di me, topolino, e divertiamoci!”, fece l’Elefante.

Nico si sistemò sulla punta della sua proboscide, godendosi da lassù il nuovo gioco e il più affascinante e vasto panorama del mondo. Da lassù, Nico vide che gli altri animali continuavano la vita di sempre. La Rana saltava e gracidava tutta sola, il Bruco correva sui trampoli tutto solo, la Talpa scavava gallerie tutta sola, il Gatto cacciava i topolini tutto solo, il Cervo dava concerti tutto solo, l’Orso leccava il miele tutto solo. Non avevano capito proprio nulla dell’amicizia!

Solo Nico e l’Elefante lo avevano capito bene. Si aiutavano a vicenda, giocavano insieme, l’uno offriva un pacchetto di formaggio, l’altro ricambiava con i fiori. Erano amici inseparabili, anche se tanto, ma tanto diversi fra loro …

Letta la storia ci siamo commossi di gioia nel sapere che NICO aveva trovato il suo amico e con grande sorpresa è arrivato il premio!


Un bambino ha detto: “Grazie sono molto felice!”


Questa gioia desideriamo trasmetterla a tutti perché chi trova un vero amico trova un tesoro.

CIAO AMICI!

 

Comments are closed.